• Seguici su Twitter

  • PNSD

  • DesignDidattico Partner

    Logo Lim
  • Categorie articoli

  • Blog Stats

    • 1.028.239 hits
  • Pagine

  • Annunci

Pico proiettori, un’alternativa economica alla LIM.

Pico proiettori, un’alternativa economica alla LIM.

Vi consiglio la lettura di un articolo apparso su laricerca.loescher.it, dal titolo Goodbye LIMMarco Guastavigna, il collega autore dell’articolo, partendo dalle osservazioni critiche sulle politiche scolastiche italiane contenute nel rapporto OCSE, ed in special modo quelle collegate al progetto Scuola Digitale, fornisce un dato che farebbe accapponare la pelle a qualunque insegnante: se il trend rimanesse quello attuale, per arrivare ai livelli del Regno Unito, dove otto aule su dieci sono corredate di LIM, ci vorrebbero ben 15 anni. Non uno virgola cinque, ma quindici.
Tralasciando il fatto che non sappiamo dove sarà arrivata l’education technology tra 15 anni, e che probabilmente le LIM avranno assunto altre forme e funzionalità, la provocazione che lancia Guastavigna è chiara (ed anche condivisibile): e se invece di aspettare tre lustri per avere questa benedetta LIM, e neanche in tutte le classi, ci concentrassimo nel trovare delle alternative più economiche, ma comunque valide? La soluzione che propone sono i mini-proiettori portatili Led, conosciuti anche come “pico proiettori”.

Un pico proiettore è in tutto e per tutto un proiettore che, a differenza degli esemplari più grandi, ha dimensioni che vanno dal pacchetto di sigarette, fino al libro tascabile. Generalmente non hanno grandissime risoluzioni (quindi scordatevi l’HD), ma rimarrete stupiti nel sapere che un oggetto così piccolo riesce a proiettare su uno schermo da 100 pollici. Altro punto a favore: sono trasportabilisenza sforzo da un’aula all’altra, trasformando una qualsiasi superficie piatta in un grande schermo sul quale far vedere siti, video, presentazioni, etc. In questo articolo vorrei proporvi tre pico proiettori di buona qualità e con prezzi decisamente contenuti.

Il Lumex MX-60 riesce a stare tra il vostro pollice ed il vostro indice. Si tratta di un proiettore DLP, con sorgente luminosa a LED, la cui luminosità è di 60 ANSI lumen. Il LED, prima di essere cambiato, garantisce circa 30.000 ore di proiezione. Il contrasto è pari a 1.000:1 e la risoluzione è di 640 x 480 pixel (quindi una semplice VGA). Tuttavia sarete in grado proiettare su uno schermo da 100″ di diagonale. Grazie alla batteria interna potrete fare anche a meno della corrente elettrica per circa 2/3 ore. Il costo è inferiore ai 190€.

Lumex-Hands

Se volete qualcosa in più in termini di qualità, ma senza aumentare di troppo la spesa sostenuta, l’Acer C112 è un ottimo pico proiettore il cui punto di forza è quello di non aver neanche bisogno di un notebook: sarà sufficiente inserire una chiavetta USB con tutti i vostri files multimediali, per vederli subito proiettati. Da 38cm riuscirete a generare uno schermo da 15″, mentre da 254cm avrete un 100″. Anche in questo caso contrasto 1000:1, ma risoluzione nettamente maggiore: WVGA da 854 X 480 pixel. Per 20.000 ore nessun bisogno di sostituire la lampada LED. Inoltre non vi sono filamenti o tubi fragili soggetti alla rottura e questo aumenta ulteriormente l’affidabilità del proiettore. Il prezzo è di circa 200€.acer_c110

Il Philips PicoPix PPX 3610 è un gioiellino di 10cm x 10 cm, ma al suo interno troverete tecnologia all’avanguardia. Molto più luminoso degli altri due presi in esame, il PicoPix riesce a proiettare addirittura su uno schermo da 120 pollici. La risoluzione è, anche in questo caso, WVGA da 854 X 480 pixel. Batteria intelligente e speaker integrato da 1W, ricalcano le specifiche di molti altri prodotti della stessa tipologia. Ciò che lo piazza nettamente su un altro piano sono la memoria flash da 4GB, le due porte USB, la connettività Wi-Fi e, soprattutto, il sistema operativo Android. In sostanza potrete accedere alla rete, proiettare video di YouTube ed utilizzare altre applicazioni, direttamente dal proiettore. Per controllarlo è sufficiente scaricare l’app dedicata, disponibile anche in versione per iOS. Il prezzo? In Rete lo si trova a partire dai 350€.l_21344671_005

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: