• Seguici su Twitter

  • PNSD

  • DesignDidattico Partner

    Logo Lim
  • Categorie articoli

  • Blog Stats

    • 1.054.428 hits
  • Pagine

How a Classroom Game Becomes an Embedded Assessment

In Galactic Mappers, a social studies game about physical geography, students compete in teams to create the most geographically diverse continent in a shared hemisphere. This group mapping project encourages students to collaborate, design, iterate, and present a finished product in a single class period.

It’s also a fun and informative way to assess my sixth grade students at Quest to Learn early in the school year — and a powerful example of an embedded assessment that allows me to better support the learning process.

For anyone interested in learning more about Galactic Mappers or using games for assessment, here are some tips on preparation and gameplay from my experience using the game in my classroom over the years.

(Download the Galactic Mappers Rules (PDF) and Game Cards (PDF) for use in your own classroom.)

Embedding Assessment in a Game

Galactic Mappers provides many opportunities for me to assess my students, give immediate feedback, and track their learning across a class period as they attempt to reach their goal.

As they design their first continent, I might observe a group and note how easily they construct landforms without using notes or text. Better yet, I might see a student assisting her teammates. And I can always ask certain students to define the different landforms they are about to “unlock” as they play. In this way, the game enables me to clearly identify if any student is having difficulty understanding a concept, and then support or have a teammate support her.

The game also allows me to assess skills beyond content — primarily social-emotional learning. Like most games, Galactic Mappers has time limits as well as winners and losers. In the time it takes to play a complete game, I can see which students are skilled time managers and collaborators, and how each student deals with frustration and challenges.

During gameplay, I check in with groups and individuals, and record observations. I use a rubric that assesses three areas:

  1. Geography Skills: Students can use a key and proper labeling skills, as well as demonstrate a firm knowledge of physical geography.
  2. Design: Students present a clear, neat, and visually pleasing continent that is appropriate for a map.
  3. Listening: Students have the ability to listen to their teammates and teacher, as well as be a positive force in their group.
Students in C. Ross Flatt’s classroom collaborate on galactic mappers.

Credit: Institute of Play

Preparation and Planning

In order to successfully implement an embedded assessment in a game likeGalactic Mappers, it’s useful to lay some important groundwork in the days leading up to gameplay.

 

    • Content Preparation: First, students are required to come to class with a basic knowledge of maps and physical geography terms — content covered in the weeks leading up to the game.
    • Strategic Grouping: It’s important for the teacher to create balanced student groups that will function well. Students can also be assigned specific roles in their groups:
      • On-Task Manager: Manages materials, watches the clock, quiets group down when teacher addresses the class.
      • Scribe: Responsible for cutting materials, writing labels, drawing landforms and bodies of water based on map key.
      • Researcher: Looks up information in text or student notes when the group is stuck, examines classroom maps for design inspiration.
      • Presenter: Presents group’s final design at the end of each round.
  • Transparency: Students should not be taken by surprise on the day of gameplay. As in test prep, they need to know what they are being assessed on, how the teacher will be assessing them, and possibly the format of the test itself. The day before we play Galactic Mappers, I show students the game cards, reveal the different rounds of play, and review student work from previous years. I make it clear that, while this is a game, it is also an assessment of their map skills, collaboration, and time management. They are aware that I will be asking them questions while they play and that I have high expectations for their teamwork skills.

Gameplay

Galactic Mappers is generally played during one 90-minute class period, but can be adjusted to fit different schedules. Gameplay is divided into several rounds that involve both group work and whole-class discussion. Opportunities for feedback and assessment differ in each round.

  • Round 1 (15 minutes): Students are given their supplies and initial continent, as well as first set of land cards. As they play, look for any initial group dynamic issues and check for basic understanding of gameplay. Reward some groups with extra land cards for demonstrating superior knowledge or excellent time management.
  • Presentation 1 (10 minutes): The class will circle around “the ocean” in the center of the classroom as each presenter shares out their group’s continent and land cards. Reward each successful explanation with a Feature Card.
  • Round 2 (20 minutes): Students begin to place landforms and bodies of water on their continent maps, properly shading and labeling them. Start discussions with students about where and why vegetation might grow around certain feature cards (rivers, lakes), but not near others (buttes, mesas). With some groups, you may be able to have deeper discussions about where early humans might settle on their continent, while with other groups, you can talk more specifically about the basics of physical geography. (What is the difference between a river and a lake? A hill and a mountain?)
  • Presentation 2 (10-15 minutes): Students return to “the ocean” and place their finished continents on the class map. Presenters share out their continents and must correctly identify feature cards in order to earn points. Points are tallied and a winning group is announced.
  • Class Reflection (10 minutes): Before cleaning up the classroom, start a reflective discussion about the experience. Talk about the game itself, and what students may have learned from the experience. Try making a connection to future units, such as, “Where would people want to live on the map we created?”

Next Steps

I’ve been thinking about iterations on this game to challenge students further or teach different concepts — for example, modifying it to focus on building actual continents or civilizations that students are learning about. While this may take away some of the more creative elements of the game, it would certainly ground it in the reality of the civilizations we will be studying over the course of the year.

How would you use Galactic Mappers? What changes to the game would you suggest? Let us know in the comments.

Note: If you’re interested in more games from Quest to Learn, check out Institute of Play’s Print & Play Game Packs, including tools and resources for educators.

Edutopia’s Made With Play series takes a look at game-like learning principles in action and commercial games in real classrooms — and offers tips and tools for bringing them into your own practice. Get more resources for game-based learning here.

Videos made possible through generous support from the Carnegie Corporation of New York and the John D. and Catherine T. MacArthur Foundation.

The Made With Play series is a co-production with Institute of Play.

Pop-publishing: a scuola di scrittura digitale

Nuovi progetti per l’editoria italiana: se la dimensione self-publishing recluta adepti in numero sempre maggiore anche qui nel Paese dello stivale, è necessario che qualcuno li “addestri” a regime, questi scrittori virtuali.

Pop Festival PublishingEcco uno degli obiettivi da raggiungere secondo l’editor Edoardo Brugnatelli, responsabile del progetto che si occuperà di pop-publishing per il Gruppo Mondadori Libri. Si tratterà di un vero e proprio portale di supporto per tutti gli aspiranti scrittori, per coloro che producono ogni giorno contenuti per il web o, più semplicemente, per quelli che amano scrivere per se stessi. All’interno del sito saranno presenti – in forma assolutamente gratuita – consigli di esperti (editor, autori, grafici e altri specialisti e personalità del settore editoriale) per apprendere competenze sulla scrittura, con un occhio di riguardo nei confronti del mondo digitale. Una sorta di “palestra della scrittura” con ingresso free.

Frutto di un’idea dalla lunga gestazione, il progetto – che verrà messo online dal 29 ottobre – si discosta parecchio dalla “bozza” originaria che prevedeva la creazione di una nuova piattaforma tecnologica autonoma per il self-publishing. Lo stesso Brugnatelli ha sottolineato – in un’intervista diAffaritaliani.it – che continuare in tale direzione «sarebbe stato poco allineato con la missione di editori, meglio quindi realizzare un prodotto a forte contenuto editoriale, com’è nelle nostre corde, che offra alle persone le conoscenze, lasciandole poi libere di scegliere la piattaforma di pubblicazione che preferiscono».

Una volta assorbite le nuove conoscenze, l’aspirante scrittore/poeta/copywriter potrà quindi decidere di pubblicare, se vuole, il proprio lavoro su una piattaforma a sua scelta.

Compito del pop-publishing sarà sperimentare, creando nuove interazioni che diano nel contempo la possibilità di mappare le nuove direzioni dell’editoria 2.0.

iPad a scuola: come, dove e quando vengono danneggiati?

Il sogno di molti di noi – o almeno il mio – è quello di avere una classe nella quale ogni studente abbia un iPad. La realtà è che molte scuole, purtroppo, non hanno abbastanza fondi per far partire un progetto simile; le uniche soluzioni, almeno in questo momento, arrivano da rari aiuti a livello europeo, oppure da generosi sponsor (vedi il progetto toscanoTablet in Spalla, finanziato dalla società del gas Gesam).

Tutte le volte che ho proposto l’acquisto degli iPad, almeno per una classe, la risposta di diversi colleghi è stata: “I ragazzi li romperanno dopo due giorni!”. Ora, a parte la scarsa fiducia dimostrata nei confronti degli alunni, che possiedono un sacco di dispositivi tecnologici e non necessariamente li distruggono dopo poche ore dall’acquisto, la mia risposta è sempre: “Ci sono delle coperture assicurative apposite”. Spesso e volentieri se comprate i dispositivi da centri autorizzati Apple, la copertura assicurativa rientra nel prezzo finale dell’iPad.

Tuttavia ci siamo mai domandati in che percentuali i preziosi tablet vengano danneggiati ed in che maniera? Dagli Stati Uniti, dove l’utilizzo del tablet non è l’eccezione ma la regola, arrivano dei dati piuttosto precisi al riguardo:

Dopo quanto viene danneggiato l’iPad in dotazione allo studente?
22% nel primo anno
17% nei primi sei mesi
6% nelle prime due settimane (qui ci sta anche un po’ di sfortuna)

Dove avviene il danneggiamento?
48% nel tragitto casa/scuola e viceversa
40% a casa
22% in classe

Che tipo di danno subiscono in genere?
42% schermo rotto (ahi!)
33% angoli ammaccati
25% schermo graffiato

Cosa fanno le scuole americane per evitare i danni?
99% usa custodie protettive
66% usa protezioni per lo schermo
12% compra una polizza assicurativa

http://profdigitale.com/ipad-a-scuola-danneggiati/

SCUOLA, “GIADA” PER LE DIFFICOLTA’ DI APPRENDIMENTO

La prevenzione di situazioni di difficoltà per consentire il pieno sviluppo della personalità dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento (Dsa), come i disturbi evolutivi delle abilità scolastiche, è lo scopo di un nuovo contratto, approvato dalla Giunta della Provincia autonoma di Trento con la Edizioni Centro Studi Erickson del capoluogo per l’acquisizione di alcuni servizi del sistema integrato ‘Giada’ (gestione interattiva abilità di apprendimento). Si tratta di una piattaforma multimediale che consente la valutazione precoce delle abilità di apprendimento studiata per gli alunni delle scuole elementari e basata su un sistema multimediale innovativo che s’innesta su un modello psicopedagogico di valenza internazionale. Tra i servizi previsti dall ‘accordo, che si rivolge a 16.500 bambini, vi è l’utilizzo delle prove per le classi prime, seconde e quinte per un anno scolastico, al fine di elaborare un report quantitativo finale dell’ attività formativa.

SCUOLA,

 

Sono iniziate in tutta Italiale presentazioni della nuova piattaforma Multimediale della Erickson GiADA (Gestione Interattiva Abilità Di Apprendimento).

Chiunque volesse saperne di più o volesse organizzare presentazioni e incontri può rivolgersi a PeaceWaves (Marco Braghero,marco.braghero@peacewaves.org – Lorenzo Cabodi Gatti,lorenzo.cabodigatti@peacewaves.org) o contattare Erickson (dott. Michele Facci,michele.facci@erickson.it).

GiADA
Contesto normativo: la Legge 170/2010
Norme in materia di disturbi specifici di apprendimento
LaLegge170/2010riconosceladislessia,ladisgrafia,ladisortografiaela
discalculiaqualidisturbispecificidell’apprendimento(DSA)epersegue,
tra le altre, la seguente finalità: garantire il diritto all’istruzione alle
persone conDSA, favorendo il successo scolastico, assicurando una
formazioneappropriata,adottandoformediverificaedivalutazione
adeguate alle necessità formative degli studenti e promuovendo la
diagnosi precoce e percorsi didattici riabilitativi.

La soluzione Erickson
Le Edizioni Centro Studi Erickson, con la supervisione scientifica del
prof. Cesare Cornoldi e del prof. Giacomo Stella, propongono un
servizio di valutazione e intervento didattico nei principali ambiti di
apprendimento per la Scuola primaria e secondaria di primo grado,
basato su un innovativo sistema multimediale, progettato a partire da
unmodellopsicopedagogicofondatosuindicazioni scientifichecondivise
a livello internazionale e su una rigorosa catalogazione di abilità, processi
e sottoprocessi cognitivi coinvolti nell’apprendimento.

»  Maggiori informazioni su GiADA

#TeacherPride: tutto comincia con un bravo insegnante

Quando ho scritto l’articolo sul registro elettronico, nel quale suggerivo di comprare un tablet personale per compilarlo in maniera più semplice e veloce, ma soprattutto per sfruttarlo anche nella didattica di tutti i giorni ed aprirsi al cambiamento, non pochi colleghi mi hanno criticato.

“Con la misera di stipendio che prendo dovrei anche comprarmi il tablet?!”

“Quando il Ministero si degnerà di dotarmi di un tablet, allora inizierò ad usarlo!”

“Comprarmi il tablet? Non voglio spendere soldi! Faccio tutto da casa col mio PC”.

Trovo paradossale come non si riesca a capire il controsenso (soprattutto in quest’ultima affermazione): il PC che avete a casa, ve l’ha regalato il ministero? La connessione Internet con la quale vi collegate da casa alla piattaforma per il registro elettronico, è pagata dal MIUR? Mi sembra abbastanza evidente che la risposta ad entrambe le domande sia no, eppure non vi siete stracciati le vesti quando avete capito che per preparare i compiti, per redigere le programmazioni, per stampare le relazioni finali avevate bisogno di un PC, che sicuramente utilizzate anche per altre attività. E allora quale sarebbe la differenza con un tablet? Mica lo dovreste regalare al vostro istituto. Non è beneficenza, ma solo un modo per fare in maniera più semplice ed efficiente il nostro lavoroLa-vo-ro: perché di questo si tratta.

C’è anche chi ha frainteso le mie parole, dicendo che stavo promulgando il modello “insegnante = missionario”. Niente di più sbagliato; non ho mai parlato di fare i missionari, ed a tal proposito riprendo volentieri un tweet di oggi di Mila Spicola:

Non siamo missionari. E lo ribadisce sempre Mila Spicola in questo suo lungo, complesso, ma bellissimo articolo:

Narrando un’altra immagine del docente italiano. Lontana da quella naif del docente che vuol “conservare privilegi e in fondo lavora poco”  come anche da quella del “docente eroe missionario” e vicina a quella più rispondente al vero: quella del docente che lavora,  con spirito di servizio, che è cosciente della sua professionalità e la difende con le mani e con i denti […].

Ci vorrebbe, come suggerisce lei, un #TeacherPride: un evento, una bandiera che ricordi al mondo, ma soprattutto che lo ricordi anche a noi, sempre più frammentati ed arroccati su posizioni sterili, che il nostro è un lavoro fondamentale, importante, meraviglioso. E mi perdonerà Mila Spicola se  ”saccheggio” il suo articolo, ma anche quando parla di digitalizzazione lo fa usando parole migliori di quelle che potrei trovare io:

[…] non è la retorica della digitalizzazione, è il desiderio di affrontare il nodo vitale del cambiamento, è il terreno di scontro che stiamo vivendo in questo istante.

Non sentite anche voi il desiderio impellente di cambiare il mondo della scuola? Un desiderio che va oltre la visione ristretta del lavoro impiegatizio. Ci vogliamo riprendere o no il ruolo che ci spetta?  Lo lanciamo o no questo #TeacherPride?

CONTROLLO CEREBRALE E TECNOLOGIA ASSISTIVA

A quasi 6 anni dalla pubblicazione del nostro articolo Interfaccia computer cervello per l’autonomia e la comunicazione di pazienti con lesioni midollari o neurologiche, possiamo finalmente parlare di un sistema che si sta affacciando sul mercato e che apre scenari assolutamente interessanti per molte persone disabili.

Abbiamo incontrato Gianluca Cecchetti, che collabora con Liquidweb, che ci ha illustrato il sistema e mostrato alcuni interessantissimi video, alcuni dei quali potrete vedere seguendo il link sotto indicato.
Riportiamo con molto piacere le righe che ha scritto per la nostra newsletter, con la speranza di vedere presto l’applicazione del sistema nella vita quotidiana di tante persone che aspettano da tempo uno strumento che consenta di tradurre il pensiero in azione.

BrainControl e Assistive Technology
Comunicare con il pensiero! Questo era l’obiettivo che l’Ing. Pasquale Fedele e la sua Liquidweb si sono posti alcuni anni fa per permettere ai pazienti con patologie come tetraplegia, Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), Sclerosi Multipla, e distrofie muscolari di varia natura, di superare disabilità motorie e di comunicazione. Terminata nel mese di dicembre 2012 la fase di sperimentazione condotta su pazienti locked-in, la prima versione di BrainControl è ora pronta per essere adottata dai pazienti di tutto il mondo. Guardiamo da vicino di cosa si tratta.

ll cervello umano è composto da miliardi di neuroni. Le loro interazioni chimiche, in ogni istante della nostra vita, generano impulsi elettrici. Queste scariche elettriche, benché infinitesimali, possono essere misurate. La tecnologia “Brain-Computer Interface” (BCI) interpreta la mappa elettrica corrispondente a determinate attività celebrali consentendone l’impiego per controllare il computer.

BrainControl è una piattaforma BCI che ha come obiettivo quello di consentire a chi è affetto da patologie come tetraplegia, Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), Sclerosi Multipla, e distrofie muscolari di varia natura di superare disabilità motorie e di comunicazione. È quindi rivolta, innanzi tutto, ai pazienti affetti da malattie che paralizzano completamente o in parte la persona, ma non ne intaccano le capacità intellettive. Il sistema ridarà a questi pazienti la possibilità di interagire e comunicare a livelli inimmaginabili fino a pochi anni fa. Comunicare sentimenti e bisogni, muovere la propria sedia a rotelle, interagire con amici e parenti mediante social network, email, sms, accendere o spegnere le luci, perfino aprire o chiudere porte e finestre. Piccoli gesti quotidiani per gran parte delle persone, ma una vera e propria rivoluzione per chi è affetto da malattie neuro-muscolari di tipo degenerativo o ha subito danni cerebrali di origine ischemica o traumatica.

La prima versione di BrainControl, è attualmente proposta ai pazienti in locked-in, in stadio avanzato di Sclerosi Laterale Amiotrofica o in coma apparente, non in grado di utilizzare altre tecnologie assistive disponibili sul mercato. Tale versione implementa le funzionalità di un comunicatore con interfaccia a scansione.

All’indirizzo http://goo.gl/XhDw5 è possibile vedere alcuni video che mostrano il funzionamento della tecnologia: inizialmente l’efficacia del lavoro dell’Ing. Fedele è stata testata, per ovvi motivi di opportunità, guidando con il pensiero un velivolo/giocattolo. In un altro video è mostrato il funzionamento della prima versione di BrainControl. La stessa testata su pazienti locked-in.

Le prossime versioni di BrainControl, che sono attualmente in fase di sviluppo, saranno proposte come alternativa agli attuali sistemi di eye-tracking (che molti pazienti, pur in condizioni non gravissime, non sono in grado di utilizzare). Le versioni future implementarenno funzionalità avanzate di comunicazione ed intrattenimento (tastiera virtuale, text-to-speech, navigazione web, l’interazione via SMS, i social network, e-mail, web radio), domotica (luci, allarmi, temperatura, ecc.) e il controllo di una sedia a rotelle, consentendo inoltre un’interazione avanzata in grado di sfruttare fino a 12 pensieri di movimento.

Nel corso degli ultimi mesi Brain Control ha permesso all’Ing. Pasquale Fedele di ottenere numerosi riconoscimenti e premi a livello nazionale e internazionale. Per citarne solo alcuni: Vincitore del Premio Gaetano Marzotto (Vicenza, novembre 2012); Vincitore all’ Italian Innovation Day (Berkeley University, California, febbraio 2012); 1° premio al concorso Percorsi dell’innovazione a Smau (Milano, novembre 2011).

Gianluca Cecchetti www.liquidweb.it
Speriamo quindi in breve tempo di poter integrare questo articolo in base ai nuovi sviluppi prospettati.

http://www.leonardoausili.com/approfondimenti/controllo-cerebrale-e-tecnologia-assistiva

AGGRAVAMENTO DELLA PERCEZIONE VISIVA, TECNOLOGIA E DINTORNI (un’esperienza personale)

Per un ipovedente congenito grave la convinzione che la sfortuna abbia  già calato tutte le sue carte è dura a morire, salvo l’essere smentita  dallo scorrere della vita. E’ così che si assiste quasi indifferenti  ai primi acciacchi della mezza età; tanto – si pensa – la poca vista  che ho è praticamente stabile.

Anche quando, in un mercoledì 17 Aprile 2013 qualsiasi, si cominciano  a “vedere le mosche” (corpi mobili) nell’occhio migliore, si pensa che il cervello pian piano si abituerà e il disturbo non avrà strascichi significativi.

Al risveglio di venerdì 19 aprile, però, m’accorgo che è come se avessi una porzione di monetina tra l’occhio sinistro e il naso, che m’impedisce di vedere nel modo in cui ero abituato.

Sotto gli spasmi del nistagmo la porzione di monetina si sposta continuamente: più in alto, più in basso e lateralmente. Nel frattempo mi accorgo che anche il resto del campo visivo è meno chiaro e stabile.

La porzione di monetina cieca del campo visivo cambia colore a seconda delle condizioni di luce, risultando chiara, scura o giallognola. In condizione di penombra lungo i suoi bordi, al riposizionamento della stessa dopo gli spasmi del nistagmo, si formano come una sorta di lampi e scie luminose.

La deambulazione non è per il momento gravemente compromessa, mentre la lettura e la visione fine degli oggetti risultano sensibilmente peggiorate.

Nel contempo l’occhietto destro quasi cieco e quasi mai considerato fino a qualche giorno prima sostiene non poco il campo visivo complessivo; che il cervello lo abbia richiamato in servizio effettivo per compensare l’incipiente declino del sinistro?

Lunedì 22 Aprile il mio oculista all’inizio della visita ha detto che guardare il mio occhio equivale a fare quattro visite…

Dopo litri di collirio per dilatare la pupilla ha ipotizzato un possibile distacco di retina e il tono dell’occhio stranamente alto (col distacco di retina la pressione oculare di solito scende). Al termine della visita mi ha proposto di passare l’indomani all’ospedale Sacco di Milano per ulteriori verifiche coi colleghi “distaccologi” (non sapevo esistesse un grado di specializzazione così avanzato!).

Il giorno successivo arrivo all’ospedale Sacco non senza difficoltà nell’orientarmi tra i vialetti della struttura. Dopo un’ecografia, la visita del fondo dell’occhio da parte di due distaccologi e un OCT, la conferma: distacco di retina. Dopo il primo maggio l’operazione con l’utilizzo di gas oppure olio di silicone per fermare la retina una volta riattaccata in attesa e nella speranza che ci resti poi per proprio conto.

Ma la vita continua e così, per esempio, sono dovuto andare in posta e a fare un bancomat (naturalmente niente da fare nè col display del bancomat, nè coi tabelloni e i numerini nell’ufficio postale, ma precauzionalmente non ero solo).

Nel frattempo la situazione percettiva continuava a peggiorare; di seguito le cose che non riuscivo più a vedere: il colore dei semafori;  il numero dei tram; civici e targhe stradali; i libri in formato cartaceo, scrivere e leggere sms col mio vecchio telefonino Samsung; utilizzare il PC senza sintesi vocale.

Anche il mio kit di collaudati ausili ha accusato il colpo:

– l’occhiale con sistema aplanatico per la lettura che portavo appeso al collo da decenni non serve più (almeno per ora);

– il monocolino 10x assai utile per la visione da lontano (tabelloni partenze, civici, ecc.) riesco a utilizzarlo a malapena solo da molto più vicino;

– la lente di Fresnel, tenuta di scorta, non è più utile in quanto ingrandisce tropppo poco (circa 2x);

– il videoingranditore semi-tascabile preso qualche anno fa soprattutto perchè permette  di salvare le immagini, non l’ho mai utilizzato veramente per questa funzione, ma in compenso è troppo poco tascabile ora che dovrei portarmelo dietro e usarlo molto più spesso.

– il bastone bianco, quasi superfluo fin qui, è ora spesso necessario.

– la sola personalizzazione dell’aspetto di Windows, fino ad ora sufficiente per usare il PC in autonomia, adesso risulta quasi sempre insufficiente, se non supportata dallo screen-reader.

Dopo i ponti di primavera, ricontattando l’ospedale per avere notizie del mio intervento, ho scoperto che i distaccologi erano dubbiosi e titubanti.

A questo punto il mio oculista ha sentito un collega dell’Oftalmico, sempre di Milano, per cercare di procurarmi un altro e probabilmente definitivo consulto.

Così sono approdato all’ambulatorio della seconda divisione dell’Oftalmico dove una trentina di pazienti attendevano di essere visti dal Dott. Seidenari, parafrasando Mogol-Battisti pare che col bisturi e il saratoga in mano possa fare miracoli.

La sentenza è stata: “apriamo, vediamo cosa troviamo e cosa riusciamo a fare”.

Insomma, nessuna garanzia di risultato e in più la prospettiva di dover intervenire in seguito, anche ripetutamente, per perfezionhare, rattoppare e sistemare il lavoro.

Non so, francamente se riuscirò e avrò voglia di sostenere un accanimento terapeutico a oltranza, non vorrei diventare schiavo della mia retina; ma vedremo se e quando sarà il momento.

Varie e interessanti anche le storie di quanti aspettavano con me di essere visitati dal profeta del silicone oculare. Quasi tutti già operati più volte e con alterni successi. Da loro ho scoperto, per esempio, che il collirio per dilatare la pupilla aumenta la pressione dell’occhio. Comunque mi pare di aver capito che tutti avessero l’altro occhio su cui contare…

Una considerazione anche sui dubbi a scoppio ritardato dei distaccologi del Sacco.

Sembra che un intervento non riuscito costituisca “casistica negativa” e possa penalizzare per così dire la reputazione della struttura e del medico.

L’assurdità di questi parametri è data anche dal fatto che non si tiene conto della situazione di partenza del paziente…

Intanto la situazione percettiva peggiora ulteriormente e il decadimento interessa il campo visivo, il residuo visivo, la luminosità della percezione e la stabilità dell’immagine. Molti oggetti risultano deformati e la loro luminosità è a tratti intermittente, come se qualcuno accendesse e spegnesse ripetutamente e velocemente la luce.

L’occhietto destro, a questo punto migliore del sinistro, ancora non riesce a sostituirlo perchè il cervello abituato per anni a utilizzare quello ora malato ancora non procede alla permutazione.

Ma è forse di notte che mi rendo conto più compiutamente di cosa possa voler dire essere cieco. La camera in cui dormo non è completamente buia a causa del lampioni in strada e dei riflessi che arrivano da un finestrone nell’altra stanza. Se guardo questo contesto con l’occhio destro riesco a vedere abbastanza bene i punti e le forme luminose presenti; guardando con l’occhio sinistro non mi accorgo di nulla.

Essere ciechi non vuol dire dunque vedere tutto buio, bensì non riuscire a percepire la differenza tra buio e luce…

Arriva il 6 Maggio, giorno dell’intervento. Non è stato difficile convincermi a rinunciare all’anestesia generale in favore di quella locale. L’iniezione dell’anestetico dà una curiosa e assurda sensazione, come se ti stessero gonfiando l’occhio a dismisura.

Durante l’intervento sentivo lo staff che parlava di certi caciocavalli e salsicce in arrivo dal sud; poi ho sentito richiedere il laser e l’olio di silicone.

Il giorno dopo mi hanno già tolto la benda, così ho scoperto un nuovo disturbo collaterale: la luce mi è diventata insopportabile. Ora capisco anche gli ipovedenti che vanno in giro in qualsiasi situazione e ora del giorno con occhiali scuri e cappellino.

Per il resto, dolore e fastidio generalizzati mi accompagnano senza tregua, scemando solo parzialmente e gradatamente.

Dovevo rimanere in ospedale solo 2 notti, ma la pressione oculare a trentacinque mi ha trattenuto per oltre una settimana, fino a quando colliri e farmaci vari sono riusciti ad abbassarla.

Avanti agli ambulatori per le visite di controllo il personale chiama i pazienti con dei cenni e dei “Venga!”; pensano che tutti abbiano il secondo e magari anche il terzo occhio che li vede senza problemi…

Col passare dei giorni la percezione visiva sembra migliorare, ma non è ancora neanche paragonabile a quella di inizio Aprile.

Negli ultimi giorni è come se l’olio di silicone si fosse posizionato o avesse creato una patina nella zona foveale della retina, quindi la percezione sembra avvenire attraverso un acquario molto illuminato.

Cambiano, naturalmente, le abitudini del quotidiano:

– cerco di non uscire nelle ore centrali della giornata;

– attraverso preferibilmente agli incroci con i semafori;

– prendo qualche taxi in più e chiedo più spesso l’assistenza per i viaggi ferroviari;

– preferisco telefonare piuttosto che scrivere lunghi SMS;

– noto una marcata insofferenza per i luoghi e i contesti rumorosi e affollati;

– cerco di essere ancor più metodico e ordinato in casa (causando qualche problema di coabitazione con la partner normovedente e affetta da ordine mutevole e creativo).

Un problema non da poco è riuscire a scrivere velocemente sui dispositivi touch, come sull’iPhone (SMS, mail, note). Per gli utilizzatori di VoiceOver, lo screen-reader Apple, esistono almeno quattro alternative:

– toccare normalmente due volte ogni carattere da scrivere, ma è impossibile centrare ogni volta la lettera desiderata sulla tastiera a schermo;

– usare il “tocco diviso”, facendo scorrere un dito sulla tastiera e toccando con un altro dito qualsiasi parte dello schermo per digitare il carattere selezionato;

– usare la digitazione “a tocco”, con questa modalità basta staccare il dito dallo schermo quando si è sul carattere che si desidera digitare;

– per gli utilizzatori di iPhone 4S o 5, poi, si può utilizzare Siri, una funzionalità che permette tra l’altro di dettare a voce ciò che si vuol scrivere (se non si è balbuzienti funziona piuttosto bene).

La tecnologia sforna quasi quotidianamente nuove funzionalità, dispositivi e varianti di soluzioni già esistenti; il problema è, da sempre, riuscire ad essere informati di tutte le possibilità a disposizione e avere modo di provarle per scegliere quelle più adatte alle proprie esigenze. Questo non è facile per chi vive a Milano, figuriamoci per i residenti in regioni meno fortunate a livello di servizi e presenza dei distributori.

Il 7 Giugno è ripartita la mia attività professionale con dei test di accessibilità della versione mobile di un portale di un grande gruppo bancario e due mini corsi di alfabetizzazione informatica per i dipendenti disabili visivi di un’altra banca, di cui uno a Bologna. Non è stato facile e scontato affrontare queste esperienze in un contesto visivo così cambiato, ma poi tutto è andato liscio; in fondo si è trattato di usare le stesse strategie, procedure e soluzioni che dovevo trasmettere.

Questa è la mia esperienza degli ultimi due mesi e mezzo, che promette di proseguire con chissà quali implicazioni ancora per un pezzo. La percezione visiva continua a essere instabile e dalle incerte prospettive; quindi non so di cosa avrò bisogno dopo l’intervento che rimuoverà l’olio di silicone, attualmente incaricato di fissare la retina. Tornerò al mio citato kit di ausili collaudati? Mi stabilizzerò su necessità ai limiti tra ipovisione e cecità? Dovrò riciclarmi come non vedente e adottare tutte e solo le tecnologie a loro dedicate?

Non potrò più utilizzare il videoingranditore per scegliere il programma della lavatrice, ma dovrò mettere le etichette tattili vicino alle manopole?

Dovrò dotarmi di lettore mp3, bilancia pesa persone e per alimenti dedicati (parlanti)?

Mi servirà il monitor per PC più grande che c’è per sfruttare la poca vista che mi rimarrà o potrò prendere un netbook tanto la grandezza dello schermo sarà irrilevante?

Comprerò un videoingranditore veramente tascabile o mi sarà inutile anche il modello da tavolo più grande disponibile?

Avrò bisogno di un dispositivo per il riconoscimento dei colori per sapere cosa indosso?

Insomma, accolgo e assisto da quasi quindici anni quanti si ritrovano ad avere a che fare con l’ipovisione e quelli che vivono l’aggravarsi della propria condizione visiva; è arrivato il momento di diventare utente di me stesso e fare esperienza di ciò che predico da tempo.

Distacco di retina o corso di aggiornamento professionale?

 

Franco Frascolla franco.frascolla@gmail.com