• Seguici su Twitter

  • PNSD

  • DesignDidattico Partner

    Logo Lim
  • Categorie articoli

  • Blog Stats

    • 828,085 hits
  • Pagine

Sara questo il nuovo libro di testo?

Un saluto a tutti. Si parla tanto del futuro dei libri di testo, io credo che a breve se non spariranno del tutto saranno almeno sorpassati (se gia non lo sono) per prassi, almeno da parte degli studenti. Ecco allora un bel video direttamente dal ted ( http://it.wikipedia.org/wiki/TED_(conferenza) )

lim.tutor@gmail.com

Annunci

Regno Unito: la patria delle lim?

Cari miei, oggi su repubblica ho letto un articolo interessante sulla diffusione delle lim in Inghilterra. Eccolo:

Londra, capitale della scuola digitale

Regno Unito, lavagna elettronica in 7 classi su 10

LONDRA – Il Regno Unito vanta un record invidiabile: sette classi su dieci hanno la lavagna digitale. Molto meglio che negli Stati Uniti e in Canada dove sono, rispettivamente 4 e 3 su dieci. Il dato ha una spiegazione semplice: Londra da almeno 8 anni ha avviato la digitalizzazione nelle scuole (nel 2003 furono già stanziati 50 milioni di sterline a favore delle amministrazioni locali per l’acquisto delle nuove tecnologie educative) e ha deciso di non fermarsi. Pur con le difficoltà dovute ai conti dello Stato pesantemente in rosso, il governo Cameron cerca di non rimangiarsi la scommessa sul rinnovamento della scuola.

 

E L’ITALIA?– L’Italia rischia di restare al palo o quasi: i tagli alla spesa hanno imposto lo stop e progetti di innovazione tecnologica procedono con passo lento (parziale eccezione ne è la Provincia Autonoma di Trento che nel novembre scorso ha ordinato 1500 lavagne interattive per i suoi 400 istituti). Per l’anno 2009-2010 era stata programmata l’installazione di 16 mila “lim” (lavagne interattive multimediali, costo da mille a 3 mila euro), il piano si è poi scontrato con le difficoltà dell’economia e con la linearità dei risparmi imposti in eguale misura a tutto il settore pubblico. Risultato: le idee ci sono, i soldi no.

UN AIUTO – Eppure la strada dell’hi-tech scolastico è obbligata e perdere l’autobus oggi significa ritardare di molto la modernizzazione educativa di un paese (è tra l’altro dimostrato che i ragazzi, in ogni ordine e grado, apprendono meglio e più volentieri se coinvolti attraverso le tecnologie introdotte nelle aule). Un futuro da fantascienza? Certo, a vedere ciò che mette in mostra la fiera del Bett di Londra c’è da restare a bocca aperta: viene voglia di tornare a scuola. Dai banchi alle lavagne interattive (il leader del settore è la Smart, azienda canadese, che opera dal 1986 e che copre il 48% del mercato internazionale), la tecnologia, anche in 3D, offre un supporto straordinario alla diffusione del sapere scientifico e letterario. Leggere, studiare, imparare diventa, oltre che utile, divertente.

NEL MONDO – Le statistiche dicono che nel mondo, per ora, solo l’8% è delle classi è informatizzato e che gli studenti coinvolti sono circa 80 milioni. La modernizzazione scolastica comunque marcia: il 2008 e il 2009 sono stati gli anni orribili dell’economia. Eppure le imprese dell’high-tech scolastico non si sono fermate. Un esempio? Solo nel Nord America nel 2008 sono state vendute 256 mila lavagne interattive. Nel 2009 il numero è cresciuto a 319 mila. E nel Regno Unito le classi informatizzate da 6 su 10 sono diventate 7 su dieci- Segno che nell’istruzione molti governi e istituzioni private continuano a investire. Come è necessario.

 

 

Formato Unico per i software delle Lim

Oggi vi parlo di una iniziativa davvero importante. Avete presente tutti i software autore forniti a corredo con le Lim? Non so, active inspire, notebook per smartboard, hitachi…e via dicendo. Ecco, tra loro sono ben poco interoperabili. E la soluzione? Beh, una soluzione potrebbe essere quella proposta da BECTA che è una importantissima agenzia inglese che studia le nuove tecnologia a scuola (www.becta.org.uk). Ebbene in questa pagina si fa proprio riferimento ad un possibile standard (con estensione .iwb…. iwb sta per interactive white board…insomma la lim!) che risolverebbe molti problemi. Ad esempio:

– le lim di diverse marche sarebbero interoperabili a tutto vantaggio dei contenuti

– i produttori di contenuti sarebbero avvantaggiati nel concentrarsi su un formato unico

– le lezioni, nei repository online, potrebbero davvero essere facilmente riusate dai docenti

Che dire? Di certo in formato unico potrebbe avere dei limiti (pensiamo ad adobe flash ex macromedia) legati intrinsecamente al concetto stesso di formato unico, ma se potesse essere open source….

lim.tutor@gmail.com