• Seguici su Twitter

  • PNSD

  • DesignDidattico Partner

    Logo Lim
  • Categorie articoli

  • Blog Stats

    • 784,187 hits
  • Pagine

LA DIDATTICA DELLE LIM

LA DIDATTICA DELLE LIM
ECCO I NUOVI APPUNTAMENTI:
 

Continuano le giornate di formazione organizzate da Edu-Tech ed ANP sul tema de ‘La Didattica delle LIM’. Grandi finora il successo e la partecipazione di pubblico che hanno fatto sempre registrare il ‘tutto esaurito’ in ognuno degli appuntamenti passati.

Ecco i prossimi appuntamenti in calendario:

 

 

23 Febbraio 2012 – Catanzaroin collaborazione con Promethean, Loescher Editore e Giunti Scuola 

Ogni giornata è gratuita, coperta dall’esonero ministeriale e aperta alla partecipazione di 200 iscritti provenienti da scuole di ogni ordine e grado.

Per Iscriversi

Cliccando su ognuna delle date segnalate in Home Page è possibile accedere al form per l’iscrizione online e consultare il programma. Pur invitando gli interessati a preferire la modalità di iscrizione online, per chi lo desidera è possibile anche scaricare l’apposito modulo di iscrizione a mezzo fax.

A causa dell’elevato numero di adesioni alla giornata di formazione del 23 Febbraio a Catanzaro, abbiamo dovuto chiudere le iscrizioni.
Ringraziamo tutti gli iscritti e le moltissime persone che ancora ci stanno contattando.

Per ogni ulteriore informazione è possibile scrivere a info@edu-tech.ito telefonare al numero 0332 454107

Annunci

Sara questo il nuovo libro di testo?

Un saluto a tutti. Si parla tanto del futuro dei libri di testo, io credo che a breve se non spariranno del tutto saranno almeno sorpassati (se gia non lo sono) per prassi, almeno da parte degli studenti. Ecco allora un bel video direttamente dal ted ( http://it.wikipedia.org/wiki/TED_(conferenza) )

lim.tutor@gmail.com

Regno Unito: la patria delle lim?

Cari miei, oggi su repubblica ho letto un articolo interessante sulla diffusione delle lim in Inghilterra. Eccolo:

Londra, capitale della scuola digitale

Regno Unito, lavagna elettronica in 7 classi su 10

LONDRA – Il Regno Unito vanta un record invidiabile: sette classi su dieci hanno la lavagna digitale. Molto meglio che negli Stati Uniti e in Canada dove sono, rispettivamente 4 e 3 su dieci. Il dato ha una spiegazione semplice: Londra da almeno 8 anni ha avviato la digitalizzazione nelle scuole (nel 2003 furono già stanziati 50 milioni di sterline a favore delle amministrazioni locali per l’acquisto delle nuove tecnologie educative) e ha deciso di non fermarsi. Pur con le difficoltà dovute ai conti dello Stato pesantemente in rosso, il governo Cameron cerca di non rimangiarsi la scommessa sul rinnovamento della scuola.

 

E L’ITALIA?– L’Italia rischia di restare al palo o quasi: i tagli alla spesa hanno imposto lo stop e progetti di innovazione tecnologica procedono con passo lento (parziale eccezione ne è la Provincia Autonoma di Trento che nel novembre scorso ha ordinato 1500 lavagne interattive per i suoi 400 istituti). Per l’anno 2009-2010 era stata programmata l’installazione di 16 mila “lim” (lavagne interattive multimediali, costo da mille a 3 mila euro), il piano si è poi scontrato con le difficoltà dell’economia e con la linearità dei risparmi imposti in eguale misura a tutto il settore pubblico. Risultato: le idee ci sono, i soldi no.

UN AIUTO – Eppure la strada dell’hi-tech scolastico è obbligata e perdere l’autobus oggi significa ritardare di molto la modernizzazione educativa di un paese (è tra l’altro dimostrato che i ragazzi, in ogni ordine e grado, apprendono meglio e più volentieri se coinvolti attraverso le tecnologie introdotte nelle aule). Un futuro da fantascienza? Certo, a vedere ciò che mette in mostra la fiera del Bett di Londra c’è da restare a bocca aperta: viene voglia di tornare a scuola. Dai banchi alle lavagne interattive (il leader del settore è la Smart, azienda canadese, che opera dal 1986 e che copre il 48% del mercato internazionale), la tecnologia, anche in 3D, offre un supporto straordinario alla diffusione del sapere scientifico e letterario. Leggere, studiare, imparare diventa, oltre che utile, divertente.

NEL MONDO – Le statistiche dicono che nel mondo, per ora, solo l’8% è delle classi è informatizzato e che gli studenti coinvolti sono circa 80 milioni. La modernizzazione scolastica comunque marcia: il 2008 e il 2009 sono stati gli anni orribili dell’economia. Eppure le imprese dell’high-tech scolastico non si sono fermate. Un esempio? Solo nel Nord America nel 2008 sono state vendute 256 mila lavagne interattive. Nel 2009 il numero è cresciuto a 319 mila. E nel Regno Unito le classi informatizzate da 6 su 10 sono diventate 7 su dieci- Segno che nell’istruzione molti governi e istituzioni private continuano a investire. Come è necessario.

 

 

A Montecatini ha nevicato…

 

Oggi si è concluso il seminario a montecatini per la formazione dei tutor per il progetto lim per scuola primaria e secondaria di secondo grado. Le impressioni, lo dico subito, non sono state positive, il che non significa che l’azione formativa risulterà negativa, ma certo non è un bell’inzio.

Provo ad elencare le famose “criticità” (parola molto di moda di cui però molti ignorano il peso).

– interventi iniziali molto deludenti, per altro realizzati con powerpoint che sapevano di ricliclo

– intervento sul monitoraggio molto scarso, la mia idea è che il monitoraggio è stato fatto, ma si è perso di vista a cosa serva

– miglioramenti tecnici in piattaforma molto scarsi (nulli? giovanni aiutaci tu!)

– nessuna modifica all azione di supporto di noi tutor, insomma le criticità che abbiamo evidenziato non sono servite a nulla

– obiettivi di ansan generalmente più bassi rispetto all’anno scorso (il che è grave)

– sensazione di generale pressapochismo

– relazioni da parte dei ricercatori assolutamente teoriche e svincolate dalla prassi (ma, dico io, si può far parlare di formazione sui docenti un ricercatore che NON ha fatto il corso ai docenti? non è un paradosso?)

– 3 giorni identici al 2009 insomma? No, nel 2009 era maggio!

Note positive? Si, ci sono, si è mangiato bene!

 

Mediate gente, meditate

 

lim.tutor@gmail.com

Montecatini formazione tutor lim: 13-17 dic. 2010

Dal 13 al 17 dicembre a Montecatini si terrà la formazione per i nuovi tutor dei prossimi corsi lim per le scuole. Al momento le novità che trapelano sono:

– la formazione sarà divisa come per le scuole medie tra fase 1: formazione tecnica; fase 2: coaching

– i tempi saranno: gennaio per fase 1; febbraio giugno per fase 2

– ci sarà un repository di file per le scuole singole e uno nazionale

– la piattaforma pare la medesima

– si è parlato, ma di sfuggita, di wiidea (ma c’è qualche docente che lo sta informalmente mostrando)

– i tutor nuovi sono circa 40, mentre circa 200 sono quelli della precedente fase.

Domani altre indiscrezioni!

 

aggiornamento del 16 dicembre

– si è capito che le fasi saranno effettivamente 2: la prima inizia a febbraio, la seconda da marzo a giugno

– la piattaforma pare rinnovata ma nella sostanza è la stessa

– ci sarà una forma di certificazione delle ore online da parte dei corsisti tramite attività (e non tramite tempo, che so: intervento nel forum: 1 ora = 1 credito…fermo restando che i crediti non servono poi molto…insomma non sono cosi spendibili)

– le criticità più grandi della prima fase non sono state risolte (leggi: formazione tecnico pratica per i corsisti…non si sa chi la farà, e l’ambiente online…che non pare cosi attraente!)

– le aspettative generali di ansas paiono notevolmente piu basse: per la serie “fate quello che potete”…

insomma pare che il monitoraggio della prima fase non sia servito a nulla!

lim.tutor@gmail.com

Corsi LIM gratuiti per docenti precari

Cari miei lettori, di certo non vi sarà  sfuggito l’annoso e triste problema di (noi) precari. Nell’ambito lim accade una cosa a dir poco vergognosa. I precari NON POSSONO AVERE FORMAZIONE SULLE LIM. Perchè? Semplice. I dirigenti devono individuare dei docenti per l’anno successivo che seguano il progetto, ragion per cui i precari sono esclusi, senza contare che essendo giovani i precari sono anche quelli più esperti di nuove tecnologie. Per questo motivo invito i vari ambiti territoriali e voi tutti a sensibilizzare rispetto al problema e, possibilmente, ad organizzare corsi per i nostri colleghi che non hanno avuto modo di ricevere formazione.

Io per l’umbria do la mia disponibilità a tenere, per quel poco che so, dei corsi. Se c’è qualcuno interessato mi scriva pure!

 

lim.tutor@gmail.com

Bando Ansas-Indire per selezione tutor: ecco l’elenco

Vi riporto l’elenco, diviso per regione, dei selezionati per il bando dei tutor lim per le scuole primaria e secondaria superiore.

GRADUATORIE PROVVISORIE TUTOR – PIANO DI DIFFUSIONE DELLE LAVAGNE INTERATTIVE MULTIMEDIALI (LIM)
Pubblicato il: 25-10-2010

 

Pubblichiamo in data odierna le graduatorie provvisorie relative alla selezione pubblica per l’individuazione di tutor preposti alla formazione del personale docente riguardo al progetto Piano di diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali (decreto n. 125 del 21/06/2010).

Scarica le graduatorie regionali provvisorie:

Eventuali reclami, indirizzati al Direttore Generale, dovranno pervenire entro le ore 17.00 del 30 ottobre 2010 via fax ai numeri 055 2380395 – 055 2380520 o tramite consegna di persona presso la sede amministrativa dell’ANSAS in via M. Buonarroti 10 a Firenze (ufficio protocollo) nei seguenti orari: lun-ven dalle 9.00 alle 13.00.

***ATTENZIONE***

Sono pubblicati di seguito i decreti n. 346 e n. 347 del 26/10/2010 a rettifica delle graduatorie della regione Sicilia e della regione Campania, e n. 349 del 27/10/2010 per la regione Friuli Venezia Giulia per mero errore materiale.

Scarica il decreto n. 346 del 26/10/2010 di errata corrige per la regione Sicilia, provincia di Palermo:
SICILIA_errata_corrige_346.pdf

Scarica il decreto n. 347 del 26/10/2010 di errata corrige per la regione Campania, provincia di Napoli:
CAMPANIA_errata_corrige_347.pdf

Scarica il decreto n. 349 del 27/10/2010 di errata corrige per la regione Friuli Venezia Giulia:
FVG errata corrige 349.pdf

Scarica il decreto n. 352 del 29/10/2010 di errata corrige per la regione Calabria, provincia di Reggio Calabria:
/decreto 352.pdf decreto 352.pdf

Scarica il decreto n. 353 del 29/10/2010 di errata corrige per la regione Lazio, provincia di Roma:
/353.pdf decreto 353.pdf

Scarica il decreto n. 354 del 29/10/2010 di errata corrige per la regione Lombardia:
/354.pdf decreto 354.pdf

Scarica il decreto n. 355 del 29/10/2010 di errata corrige per la regione Molise, provincia di Isernia:
/355.pdf decreto 355.pdf

lim.tutor@gmail.com