• Seguici su Twitter

  • PNSD

  • DesignDidattico Partner

    Logo Lim
  • Categorie articoli

  • Blog Stats

    • 775,040 hits
  • Pagine

Conta il progetto, non lo strumento ovvero “il fallimento dei tablet”

Leggo sempre più di frequente attraverso rassegna stampa US notizie a dir poco pessimiste sull’impatto dell’introduzione dei tablet a scuola.

Non che oltreoceano le cose vadano peggio che da noi; il fatto è che loro sono abituati a dire le cose come stanno. Ed è molto probabile che lì stiamo meglio, molto meglio, che da noi.

Recentemente, 14 ottobre, The Wall Street Journal pubblica un articolo dal titolo: Schools Learn Tablet’s Limits, con sottotitolo: I Distretti sono alle prese con problemi di uso dei tablet ma c’è chi afferma che quegli strumenti possono integrare utilmente le lezioni.

In buona sostanza, l’articolo dà conto delle aspettative venute meno in tante scuole dove si aspettavano significativi (e sfavillanti) risultati a seguito delle vagonate di tablet distribuite agli studenti.

Quanto riportato nell’articolo conferma quanto, da tempo, i più accorti di noi dicono:

  1. troppo spesso si ha un approccio poco consapevole di tutte le implicazioni (organizzative, logistiche, tecniche, didattiche) che l’introduzione delle tecnologie porta con se;
  2. troppo spesso il focus è sullo strumento e non sul fine;
  3. la questione di fondo non è la tecnologia ma la didattica
  4. la tecnologia può essere comperata, la competenza didattica no, ovvero (se mi posso permettere)

 

L’innovazione parte da un pensiero, non da uno strumento

 

Vediamo alcune conclusioni (spiace dirlo, ma non c’era bisogno di buttare tutti quei soldi per rendersi conto che il tablet è solo uno strumento e che il cambiamento si innesca in altro modo):

… i dirigenti di alcuni Distretti stanno ripensando l’utilità dell’ultimo trend tecnologico

Ancora

Il più grande fiasco si è avuto a Los Angeles dove un programma di un miliardo di dollari per dotare di iPad studenti K – 12 è stato messo sotto accusa dopo che gli studenti sono riusciti a forzare il sistema di sicurezza e ad accedere ai social network, giochi on line ed altri programmi che si riteneva bloccati.

Altro caso

The Los Angeles Unified School District  ha temporaneamente ritirato agli studenti migliaia di tablet di tre scuole superiori …. organizzando una riunione per valutare l’impatto dei 50 milioni di dollari spesi nella prima fase prima di deliberare la seconda e la terza. Un membro del direttivo del Distretto ha affermato che l’iniziativa è stata pianificata in modo affrettato…. Qui non ci sono silver bullet (?) e Superman: la tecnologia è uno strumento, non un fine a sé (bella scoperta: io non ho dovuto spendere 50 milioni di dollari per capirlo, ma averne conferma è una soddisfazione).

Un membro di una no-profit che assiste le scuole nei loro progetti per dotare tutti gli studenti di uno strumento digitale afferma che:

..laptop, pc ed altri strumenti possono essere utili agli studenti se sono scelti avendo in mente i benefici che ne possono trarre gli studenti piuttosto che lo sfavillio (glitziness) del prodotto

Altra affermazione (di persone definire “scettiche”

… le scuole si stanno buttando a capofitto dentro la promessa digitale con un  pensiero

debole ed, in alcuni casi, aspettandosi che lo strumento migliori i risultati accademici anche se la ricerca sul tema non dice alcun che …

Riflessioni e ripensamenti anche da parte delle famiglie  che …

…si interrogano sul costo elevato degli strumenti e sul loro veloce logoramento. Studenti e genitori non si sentono responsabili del danneggiamento degli strumenti ricevuti dalla scuola . Per questo tanti amministratori scolastici chiedono una chiara pianificazione dei costi di manutenzione e di aggiornamento delle tecnologie.

Altri casi citati nell’articolo riportano pareri ed esiti discordanti con riferimento ad ingenti investimenti pubblici in tecnologie finalizzati al conseguimento di precisi miglioramenti dei risultati scolastici (qui non si scherza, soldi in cambio di risultati. E si verifica …).

Una consapevolezza ….

… la scuola deve stare al passo con i tempi, ma, attenzione, il diavolo sta nei dettagli: è necessario capire come si muove l’intero sistema prima di saltare in groppa alle tecnologie.

E per concludere la rassegna (altri interessantissimi dati  sugli investimenti fatti ed in corso – numeri che pur con le debite proporzioni di ricchezza e di numero di studenti, noi non possiamo neppure permetterci di sognare – nell’articolo citato)

A tablet is a tool that can enhance a lesson and engage kids,” she said. “But you really have to know your content and understand how to teach for it to be effective in helping children learn.

Insomma, anche nei ricchi ed evoluti States il problema è insegnare bene :-)

 

http://m.europe.wsj.com/articles/SB10001424052702304500404579129812858526576?mobile=y

Schools Learn Tablets’ Limits

Districts Grapple With Glitches as Some Say Devices Can Supplement Lessons

Two elementary-school pupils in the Los Angeles district tool around with their tablets in August. Problems have stalled the district’s tablet rollout.Photo: Los Angeles Times / Associated Press

As schools rush to embrace computer tablets as teaching tools, glitches have officials in a few districts rethinking the usefulness and even security of the latest technology trend.

The highest-profile snafu came in Los Angeles, where a $1 billion program—funded by voter-approved bonds—to provide Apple Inc. iPads for K-12 students came under fire after some students sidestepped the security system and accessed social media, online games and other content that was supposed to be blocked.

 

The Los Angeles Unified School District temporarily took back thousands of tablets from students at three high schools and required the devices to remain on-campus in all 30 schools where the effort had been rolled out. School board officials called a special meeting for Oct. 29 to assess the $50 million first phase of the program ahead of votes to fund the second and third phases.

Los Angeles school board member Bennett Kayser said the district’s initiative was “hastily planned” and several “red flags” were overlooked, such as the potential expense of lost or stolen devices and questions about the completeness of the installed curriculum software. Plus, he added, “There is no silver bullet or Superman here; technology is a tool, not an end unto itself.”

The fitful Los Angeles rollout comes as K-12 schools nationwide are expected to spend $9.7 billion on technology in 2013, up from $6 billion in 2003, according to the Center for Digital Education, a national research and advisory institute specializing in education technology trends and policy. Districts in Maryland, Kansas, North Dakota and elsewhere have rolled out tablet to thousands of students this year. And experts say the pace of technology spending is rapidly growing as schools try to become more tech-savvy.

Advocates say new technology may allow teachers to better target students’ individual academic levels and learning styles, and engage students who often are bored by the more traditional style of teaching. For example, teachers can watch students writing essays in real time and shoot one a note if she failed to write a proper introduction and another a separate note if she used improper punctuation. Moreover, they say, students need technological skills to compete in today’s economy.

Leslie Wilson, of the Michigan-based One-to-One Institute, a nonprofit that helps districts implement programs that assign a digital device to every student, said students must learn to be “creators and producers, not regurgitators and consumers” of information, and technology can hasten those skills. She said laptops, tablets and other such devices can benefit students if they are chosen with student achievement in mind, rather than on the “glitziness” of the product.

Skeptics say schools are racing into the digital promise with little forethought and, in some cases, expecting computer tools to boost academic outcomes even though the research on the issue is inconclusive. Researchers from the University of Southern Maine, for example, found that a program that provided laptops to middle-school students boosted writing scores, while a study by the Texas Center for Educational Research found no difference in test scores between middle-school students who got laptops and those who didn’t.

The Los Angeles program, the first phase of which was approved in February, aims to provide by the end of 2014 every student with a tablet employing digital, interactive curricula designed to meet Common Core math and reading standards adopted by 45 states and the District of Columbia. Under its contract with Apple, the school district pays $678 a tablet; Apple didn’t return a call for comment.

Parents and residents questioned the high price tag and speedy rollout of the devices. Some students and parents said they didn’t understand their personal liability if an iPad was broken or misplaced. Now, some school-board members are calling for a clearer plan for the costs of maintaining and updating the technology.

Still, district officials say they are pleased with the results so far. The devices allow for instruction to be tailored to each student’s level and teachers have gotten creative with their assignments, such as having students work with slide shows on the tablet. Superintendent John Deasy called the initiative “stunningly successful,” and added: “It’s pretty amazing watching students who’ve never had access [to tablet technology] and now have it.”

Meanwhile, officials in Fort Bend Independent School District in suburban Houston scrapped a $16 million iPad initiative after an audit this month found, among other things, teachers complaining the curricula on the tablets were incomplete and didn’t align with the district’s instructional goals. The district had given out about 6,000 tablets with an interactive science curriculum to fourth- through eighth-graders as part of an effort to boost science test scores.

Jim Rice, president of the school district board of trustees, said schools are “seeing a sea change in how children learn and schools need to keep up with that,” but, he added, “the devil is in the details and districts should understand all the moving parts before they jump into technology.”

Officials in Guilford County Schools in Greensboro, N.C., suspended a $30 million effort that gave 15,000 middle-school students Amplify tablets after students or school staff broke about 10% of the screens either by dropping them or placing them in backpacks or purses, and some of the cables that connect the devices to keyboards broke.

Officials with Amplify—the education subsidiary of News Corp, which owns The Wall Street Journal—and the school district say they are working to fix the problems. District officials said they were satisfied with the academic content on the tablet and said teachers had been using them to provide quality instruction. Superintendent Maurice Green said the suspension was “extremely disappointing” and said the district “remains committed to personalizing learning and to the one-to-one initiative.”

Many districts around the country are rolling out tablets without a hitch. About 850 students at Neil Armstrong Middle School in suburban Portland, Ore., got digital tablets this year after a smaller pilot program at the school last year showed students were more engaged and less likely to misbehave during class.

Nichole Carter, an eighth-grade English teacher who was part of the tablet pilot program last year, said the devices dramatically cut down on paper costs, allow her to track student work in real time and let children work together through a protected social media-like platform.

“A tablet is a tool that can enhance a lesson and engage kids,” she said. “But you really have to know your content and understand how to teach for it to be effective in helping children learn.”

Write to Stephanie Banchero atstephanie.banchero@wsj.com and Erica E. Phillips at erica.phillips@wsj.com

Il tablet in classe

Le recenti azioni di finanziamento alle scuole per l’integrazione didattica di tecnologie digitali, in particolare i dispositivi mobili, unitamente alle retoriche pubbliche abbondantemente circolanti in tema di innovazione delle scuola attraverso queste tecnologie stanno producendo una sensibile attivazione al riguardo di diverse scuole, statali e non statali, e di diversi centri per la formazione professionale.  La percezione è che questo processo, ove non sorretto da dispositivi di monitoraggio di qualità e di accompagnamento didattico/formativo, possa generare turbolenza senza risultati, correndo il duplice rischio di lasciare intatte le pratiche tradizionali degli insegnanti o di ridurre l’apporto dello strumento al suo uso tecnico risolvendo quella che dovrebbe essere un’operazione didattica su un piano esclusivamente tecnologico.

Ma esiste una “didattica digitale”? Introdurre tablet in classe sposta sensibilmente le pratiche degli insegnanti? Mutano (e migliorano) le condizioni di apprendimento degli studenti?
Sono queste le domande che l’integrazione di tecnologia dovrebbe porsi. Esse presuppongono dele risposte a livello didattico e di ricerca.
1. Sul piano didattico si possono individuare alcuni punti fermi della didattica digitale. Essa risponde al modello della scuola-laboratorio. Si tratta di una prospettiva di lavoro in cui il dire e il fare, il momento teorico della lezione e quello pratico dell’applicazione, perdono la loro abituale scansione. Nella scuola-laboratorio non si studia prima per applicare poi: lo spazio del fare è lo spazio stesso dell’apprendere. Freinet lo esprimeva bene quando diceva che in questo modello di scuola la lezione diventa “a posteriori”. La lezione è a posteriori quando essa non è più il momento dell’acquisizione di informazioni. L’informazione viene fatta acquisire dallo studente in fase preparatoria, cosicché a lezione si possa valorizzare il momento del problem solving. In buona sostanza si inverte la logica delle cose rispetto alla didattica tradizionale: in quel caso si ricevono informazioni in classe e si studia a casa, nella lezione a posteriori si ricevono informazioni a casa e si studia in classe. Quando oggi si parla di flipped lesson, di lezione sfogliabile, facendo riferimento alle possibilità che il digitale offre di preparare materiali didattici che lo studente possa navigare individualmente, che lo si sappia o no il riferimento è a Freinet: chi conosce i video disponibili in Kahn Academy (in internet, URL: http://www.khanacademy.org/about) dispone di un ottimo esempio di cosa sia una flipped lesson. In questo modo, invece di perdere tempo in classe a fornire informazioni che il videoclip didattico già fornisce, lascio che le informazioni vengano acquisite dai miei studenti e lascio che la lezione incominci dai loro dubbi e richieste di approfondimento.
2. L’altro grosso snodo della didattica digitale con il tablet è il suo essere costruita sulleattività dello studente. La scuola-laboratorio è la scuola del fare. Così disporre su ogni banco di un tablet che è sì un reader ma che soprattutto è una macchina multimediale con cui posso produrre immagini, video, testi, qualsiasi forma di architettura multimedia, significa poter reimpostare la mia didattica facendo proprio del momento della produzione dello studente lo spazio didatticamente centrale. Succede questo nell’approccioMultiliteracy di Cope e Kalantzis, di questo parla l’ultimo lavoro della Laurillard (Teaching as Design Science), a questo fa riferimento il metodo degli EAS (Episodi di Apprendimento Situati). Un EAS è un micromodulo didattico costituito da tre momenti:
– una introduzione, in cui l’insegnante accenna alla cornice concettuale che si dovrà tenere presente e assegna un compito da svolgere;
– una parte centrale, in cui il compito viene svolto attraverso una produzione multimediale (analisi di un testo, realizzazione di un video, fotografie, ecc.);
– un parte conclusiva, nella quale l’insegnante accompagna la classe a fare debriefing su ciò che è successo.
Come si capisce l’impatto sulla didattica è forte:
– va ridefinita la progettazione;
– cambiano le logiche della valutazione (ogni EAS fornisce di fatto all’insegnante un prodotto dello studente valutabile),
– va riconsiderata completamente la variabile tempo. La didattica digitale ne chiede di più e favorisce le condizioni per l’attivazione di un’educazione lenta.

3. Per sperimentare concretamente questo approccio, il mio centro di ricerca, il CREMIT, sta costruendo  in vista dell’anno scolastico 2011-2012, una sperimentazione assistita nelle scuole (il progetto si chiama MOTUS, MOnitoring Tablet Utilization in School) che consenta:
– una minima comparabilità dei dati che emergeranno nelle diverse scuole della sperimentazione;

– l’attivazione di un dispositivo di monitoraggio e accompagnamento in ciascuna scuola/CFP della sperimentazione;
– la possibilità di prevedere momenti di condivisione di esperienza da parte degli insegnanti delle diverse scuole coinvolte.
L’impianto del monitoraggio risponde alle esigenze di quella che, nel campo della ricerca pedagogica applicata, prende il nome di ricerca-intervento di miglioramento: si tratta di una metodologia di lavoro all’interno della quale il ricorso in parallelo a strumenti classici di valutazione di processo (questionario, focus group, intervista) e a un dispositivo di caoching, si propone di individuare le criticità creando le condizioni di supporto adeguate affinché con gli insegnanti le si possa superare migliorando la qualità complessiva del processo in atto.
Il primo momento consisterà nella somministrazione di questionari in ingresso a studenti, docenti e genitori.
Sulla base dei risultati, gli studenti e gli insegnanti saranno poi coinvolti in una seconda fase più qualitativa. Essa prevede:
– focus Group con gli studenti;
– sessioni di osservazione in classe (due per classe) attraverso la metodologia della videoricerca;
– un’attività di coaching blended (parte in presenza, parte on line) con gli insegnanti, finalizzata al supporto e alla mediazione delle criticità che via via potranno emergere dall’attività di monitoraggio.
Un questionario finale, sempre erogato a studenti, insegnanti e genitori, completerà la fase di ricerca.
Momenti di formazione specifici potranno essere previsti nelle singole realtà scolastiche o in sinergia tra due o più di esse.

iBookStore di Apple: un flop?

Quando venne lanciato Ipad di Apple si disse che avrebbe rivoluzionato l’editoria, grazie anche allo store di libri digitali (cfr https://lavagna.wordpress.com/tag/ipad/ )

Si scopre poi che Ipad viene per lo più usato per giocare:

 

A tal proposito vi segnalo un bell’articolo che analizza il parziale fallimento di Ipad (e quindi forse dei tablet) come lettori di libri.

Prendiamo spunto da un interessante post scritto da David Winograd su TUAW a proposito della situazione di iBookstore e iBooks. A distanza di sei mesi dalla presentazione di iPad e della sua libreria digitale (estesa successivamente anche ad iPhone) è giunto il momento di tirare le somme.

Quella che doveva essere la risposta di Apple ad Amazon e al suo Kindle si è rivelato essere più o meno un esperimento fallimentare. A giustificare questa tesi basta considerare un po’ di numeri; il Kindle store vanta ben 700.000 titoli tra libri, riviste e blog da scaricare. Per quanto riguarda lo store digitale dell’azienda di Cupertino non sono stati rilasciati dei dati ufficiali ma basta togliere dal conto il materiale in pdf per giungere ad una semplice conclusione.

Inizialmente, iBookstore conteneva circa 30.000 titoli appartenenti al progetto Gutenberg, disponibili anche per Kindle. Una delle possibili ragioni dell’insuccesso di iBookstore potrebbe essere correlata alla mancanza di un accordo con Random House, importante casa editrice d’oltreoceano, che non ha voluto accettare le condizioni di Apple soprattutto per quanto riguarda il modello di pricing.

Per il CEO di Radom House, MarkusDohle, la mancanza di un accordo con Apple non rappresenta affatto un problema, anzi; le vendite di ebook vanno a gonfie vele e, probabilmente, è l’azienda di Cupertino che ne sta facendo le spese. L’idea di avere uno store per libri come iTunes per la musica è sicuramente molto invitante ma, probabilmente, Apple dovrebbe iniziare a guardarsi bene intorno.

Uno dei principali motivi per cui è stato creato iPad è legato proprio al mondo dell’editoria e, allo stato attuale, le fonti di lettura scarseggiano (se non consideriamo coloro che hanno realizzato delle app ad-hoc per la diffusione di contenuti digitali) o addirittura, per Paesi come il nostro, sono del tutto assenti.

È questo il motivo per cui, almeno per una volta, Steve Jobs e soci dovrebbero accettare le condizioni che vengono dettate dal mercato e non viceversa. (www.theapplelounge.com)

E voi che ne dite?

 

lim.tutor@gmail.com

Netbook contro Tablet: chi la spunterà a scuola?

Allora, vediamo un pò, che vi dice questa immagine? E’ molto chiara vero? In effetti l’interrogativo che oggi ci poniamo è: quale dei due strumenti può essere più utile in ambito didattico? La risposta non è facile per vari motivi:

1) i netbook sono da tempo nelle nostre case e spesso nelle aule, i tablet no

2) i netbook non richiedono un ripensamento delle nostre abitudini poiche sono piccoli pc

3) i tablet NON sono dei pc, hanno infatti un sistema operativo molto semplificato (somigliano piu ad un cellulare evoluto, è il caso di ipad). Usciranno a breve tuttavia tablet con veri e propri sistemi operativi

4) i tablet, ben piu dei pc, sono legati alle applicazioni che possono girarvi e sono molto dipendenti da internet (un tablet sconnesso è un oggetto quasi inutile, un minipc invece no!)

5) i netbook servono per produrre contenuti e per fruirne, i tablet servono piuttosto a fruire di contenuti multimediali (meno documenti office)

Stando cosi le cose sembrerebbe che il confronto non lasci scampo alle povere tavolette. Ma non è cosi, possiamo giurarci. E per vari motivi:

1) i netbook per quanto piccoli sono scomodi in classe, il tablet meno

2) avere un pc con discreta potenza di calcolo come i minipc è spesso inutile poichè a creare intralcio alla produzione di contenuti è il piccolo schermo (10 o 11 pollici)

3) IMPORTANTE: il tablet somiglia o no ad una lim in miniatura? Ebbene si!!!!

Ed è qui il punto. Il tablet ha la stessa user experience (vale a dire esperienza di utilizzo!) di una lim, e non è poco. Vediamo dunque i vantaggi che potrebbe riservare l’ipad come strumento didattico:

1) può fungere da libro (ebook) meglio mille volte meglio di un minipc

2) è comodo da usare nel banco ed è facilmente portabile.

3) con le applicazioni giuste può finalmente iniziare ad affiancare i libri di testo

Quindi la “guerra” tra minipc e tablet è solo all’inizio!!!

lim.tutor@gmail.com

Tablet (Ipad) a scuole, altre riflessioni

Eccoci di nuovo a parlare di tablet con un’altra interessante selezione di articoli:

1) Ipad a scuola: le prime applicazioni

2) Will the ipad revolutionize higher education?

3) Apple tra i banchi di scuola con l’ipad

Che ne dite?

lim.tutor@gmail.com


Ipad Apple a scuola: prime considerazioni

Salve a tutti, tempo fa in un articolo avevamo parlato dell’avvento dei tablet, in particolare di apple ipad, a scola. (ecco l’articolo  https://lavagna.wordpress.com/2010/04/13/il-tablet-a-scuola-sara-rivoluzione/ ). Ora siamo di nuovo qui a parlare del fenomeno tablet. E lo facciamo tramite la selezione di alcuni articoli interessanti.

1) Interrogativi su ipad

2) Fare didattica con Ipad: intervista a Gino Roncaglia

3) Prossima Fermata: Ipad

Per ora fermiamo qui la selezione degli articoli (altri a breve). Ribadisco alcune considerazioni:

– il tablet è di sicuro una soluzione più comoda in classe rispetto al minipc; inoltre funziona come una lim cioè col touch e non è una cosa da sottovalutare

– il tablet, allo stato attuale, NON E’ UN PC (specie ipad) quindi è molto difficile produrre contenuti, serve e nasce per fruirne. Questo fino almeno a quando non vedranno la luce tablet con vero sistema operativo (android  o windows che sia)

– il tablet è costoso; certo la bolla finirà, ma resta il fatto  che con 220 euro si prende un minipc, per un tablet ne servono, al momento, il doppio

– il tablet dovrà avere applicazioni dedicate alla didattica, altrimenti sarà molto dura che vada avanti nella scuola.

E voi che ne pensate?